Carnevale di Bosa

Informazioni sul Carnevale di Bosa

Carnevale organizzato dal Comune di Bosa (OR)
Sito del Comune: https://www.comune.bosa.or.it
Località: Bosa - 08013
Provincia: Oristano (OR)
Regione: Sardegna
Date non disponibili
Sito del Carnevale: Sito non disponibile
Pagina Facebook: Pagina Facebook non disponibile

Storia del Carnevale di Bosa

Il Carnevale di Bosa in Sardegna è una celebrazione rinomata e ricca di tradizioni, con radici che affondano in antiche pratiche religiose e mitologiche. Il termine "Carrasegare" significa carne sbranata, e la festa trae ispirazione dai riti dionisiaci, in particolare dal divorare orgiastico delle carni praticato dalle Menadi o Baccanti, devoti invasati del dio Dioniso.

Le origini del Carnevale di Bosa possono essere ricondotte ai riti legati al culto di Dioniso, noto anche come Bacco. La leggenda narra che Dioniso, figlio di Zeus e Persefone, fosse stato sbranato dai Titani, e le sue ceneri, sparse sulla terra, diedero origine alla vite. La festa, quindi, celebra il ciclo vitale della natura, della nascita e della morte, e il vino, principale derivato della vite, diventa un elemento centrale nelle celebrazioni carnevalesche.

A differenza di altri carnevali che rappresentano il culto dionisiaco in modo tragico e cruento, a Bosa prevale un aspetto ludico e ridanciano. Il Carrasegare ‘Osincu si caratterizza per la sua natura giocosa e satirica. Durante la festa, si svolgono libagioni ampie e la celebrazione assume un tono festoso e spesso spregiudicato, con un'evidente connotazione a sfondo sessuale.

La componente ludico-satirica della festa è accentuata dalla composizione di brani che contengono una satira pungente e feroce nei confronti dei potenti dell'epoca. Questa tradizione si collega ai Saturnalia, antica festa latina in onore del Dio Saturno, che prevedeva licenze per gli schiavi di burlarsi dei loro padroni e invertire temporaneamente i ruoli sociali.

Il Carrasegare ‘Osincu inizia il 16 gennaio di ogni anno, in occasione della festa di S. Antonio. La popolazione si riunisce intorno a un grande falò acceso presso la chiesa di S. Antonio, seguendo la tradizione di compiere tre giri in senso orario e tre in senso antiorario per allontanare il mal di pancia, simbolicamente rappresentante le disgrazie dell'anno trascorso.

Le celebrazioni proseguono con riti orgiastici, quali il Gioggia 'e Laldaggiolu, la Gioggia de Carrasegare, il Sabato delle Cantine, lo spettacolo teatrale della Domenica e Lunedì, e il Martedì Grasso con S'Attitidu e la rappresentazione di Gioldzi, che culmina nella pubblica "esecuzione" del personaggio. La festa si conclude il mercoledì delle Ceneri.

Il Carnevale di Bosa conserva così una ricca tradizione che unisce mitologia, riti dionisiaci, elementi ludici e satirici, creando un'esperienza unica e coinvolgente per la comunità locale e i visitatori. La celebrazione, pur mantenendo le sue radici storiche, continua a evolversi e a essere parte integrante della cultura e dell'identità di Bosa.

Carnevale di Bosa Programma 2024

Date non disponibili
Carnevale di Bosa programma 2024 non disponibile

Video delCarnevale di Bosa