Carnevale di Frosinone Festa della Radeca

Storia del Carnevale di Frosinone Festa della Radeca

Il Carnevale di Frosinone, conosciuto come la festa della "radeca", ha radici profonde nella storia locale, tracciando la sua importanza dalla commemorazione dell'eroica rivolta dei frusinati contro le truppe d'occupazione francesi nei tumultuosi anni 1798 e 1799, guidati dal generale francese Jean Antoine Étienne Vachier, noto come Championnet.

La festa inizia intorno alle ore 14.00 del martedì grasso, preceduta da un tradizionale pranzo a base di "maccarune", un piatto radicato nella tradizione culinaria locale. Il corteo festoso prende il via dal suggestivo rione Giardino, dove sorge la casa del Carnevale, un prezioso lascito di un cittadino facoltoso le cui tracce storiche si sono disperse nel tempo.

L'allegra processione si apre con un carretto che trasporta una botte di vino, seguito da gruppi di "radicari", considerati l'anima della manifestazione. Successivamente, i rappresentanti dell'amministrazione comunale sfilano portando il gonfalone cittadino, seguiti dalla coinvolgente esecuzione della canzone di carnevale da parte della banda musicale. Il culmine del corteo è rappresentato dal carro trainato da quattro cavalli, su cui spicca la figura "rubiconda" del generale Championnet. Quest'ultimo, con una mano posata sulla pancia satolla e con l'altra alzata in un gesto di saluto, incarna l'atmosfera festosa della giornata.

Durante il Carnevale di Frosinone, molti partecipanti agitano la "radeca", una foglia d'agave, mentre alcuni innalzano la cima di cavolfiore, noto come "pantanari", antico simbolo di appartenenza a una fascia rurale della comunità. Questi elementi diventano le "armi" con cui i partecipanti danzano al ritmo di una canzone che, nella prima parte, riflette sulle sofferenze subite e sull'oppressione del popolo, per poi trasformarsi nella seconda parte in una melodia più allegra e festante, simboleggiando la ritrovata libertà.

Durante questa fase più vivace, le strade si animano con uno sfrenato saltarello eseguito in vari cerchi da "radicari" e "pantanari", il tutto accompagnato da un rituale esclamativo e cadenzato: "essegliÈ, essegliÈ, essegliÈ!".

Un aspetto interessante del Carnevale di Frosinone è la necessità di rispettare alcune regole durante la sfilata. In particolare, è obbligatorio prendere la "radeca" per evitare una punizione che comporta l'inchino del contravventore e un certo numero di "radecate".

Il Carnevale di Frosinone, attraverso la festa della "radeca", si presenta come un evento che unisce tradizione e storia locale, coinvolgendo attivamente la comunità nella celebrazione di un passato eroico. Questa manifestazione, che si ripete da oltre un secolo, continua a rappresentare un momento di gioia, partecipazione e allegria, collegando le radici storiche della città con la vivacità dei giorni nostri. Un'occasione unica per celebrare la forza e la resilienza della comunità frusinate nel corso del tempo.

Carnevale di Frosinone Festa della Radeca Programma 2024

Date non disponibili
Carnevale di Frosinone Festa della Radeca programma 2024 non disponibile

Foto del Carnevale di Frosinone Festa della Radeca

Video delCarnevale di Frosinone Festa della Radeca